print preview Ritornare alla pagina precedente Attualità

PBC Forum No. 28.2017

10.05.2017 | Comunicazione UFPP

Culto dei morti e protezione dei beni culturali

forum28_2017.

«Non c'è niente di certo al mondo tranne la morte e le tasse» scrisse Benjamin Franklin a Jean-Baptiste Leroy in una lettera del 13 novembre 1789. Mentre noi dobbiamo, volenti o nolenti, occuparci ogni anno della dichiarazione delle imposte, il confronto con la morte viene spesso e volentieri rimosso. Il Forum PBC 28 intende contribuire a superare queste inibizioni e incoraggiare ad affrontare questo argomento. Per «Culto dei morti» s’intendono i rituali e le forme d’espressione volte ad omaggiare il defunto e la sua memoria. Si tratta quindi di rituali funebri, corredi funerari, tombe, cimiteri, crematori, ma anche di manufatti, oggetti speciali, rappresentazioni pittoriche come danze macabri, memento mori o feste commemorative (giorno dei morti, domenica delle salme, ecc.). Il culto della morte esiste in ogni cultura ed è spesso collegato con il desiderio che il defunto possa avere una bella vita o addirittura una vita migliore nell’aldilà o nella reincarnazione terrena, a seconda del credo religioso. Nell’Inventario PBC del 2009 sono elencati molti edifici e collezioni museali più o meno strettamente correlati con il culto dei morti.