print preview Ritornare alla pagina precedente Attualità

Prestazioni della protezione civile nel settore dell’asilo

La situazione nel settore dell'asilo rimane tesa. Secondo le informazioni della Segreteria di Stato per le migrazioni (SEM), il numero dei nuovi richiedenti l’asilo è rimasto piuttosto elevato nelle ultime settimane. Non si può prevedere in modo affidabile come evolverà la situazione. E non è escluso che l'afflusso possa aumentare in breve tempo. Per far fronte alla situazione, la Confederazione e i cantoni elaborano, sotto la direzione della SEM, una pianificazione preventiva nazionale, che include l'utilizzo delle risorse della protezione civile nel settore dell’asilo.

27.01.2016 | Comunicazione UFPP

Un’inchiesta condotta dall'Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP alla fine di dicembre del 2015 presso i cantoni ha rilevato che gli impianti della protezione civile vengono utilizzati per alloggiare i richiedenti l’asilo in 17 cantoni. In Svizzera sono attualmente un centinaio gli impianti di protezione civile utilizzati a tale scopo, per un totale di 7’000 posti. L'utilizzo degli impianti della protezione civile come alloggi per i rifugiati è quindi notevolmente aumentato negli ultimi mesi; da ottobre 2015, le cifre sono praticamente raddoppiate.

Per migliorare il coordinamento nazionale, l’UFPP sta stilando, in stretta collaborazione con i cantoni, una lista dettagliata degli impianti di protezione civile potenzialmente utilizzabili per alloggiare i rifugiati. Vi figurano le informazioni importanti per la pianificazione, come le dimensioni, le condizioni, l'utilizzo per altri scopi e la disponibilità temporale degli impianti. La maggioranza dei cantoni ha fornito le informazioni richieste, ma per diversi cantoni sono necessari ulteriori accertamenti. I lavori di pianificazione finora svolti confermano però chiaramente che la maggior parte dell’infrastruttura di protezione civile esistente può essere preparata abbastanza rapidamente per alloggiare i richiedenti l’asilo. In singoli casi, sono tuttavia necessarie delle misure preparatorie specifiche.

L’UFPP ha quasi completato i lavori in corso per l'emanazione di una nuova ordinanza sulla requisizione di impianti di protezione in caso di situazioni d’emergenza nell’ambito dell’asilo. Lo scopo dell’ordinanza è dare la possibilità di requisire gli impianti di protezione civile per alloggiare i rifugiati. Il progetto giuridico adempie una richiesta esplicita delle conferenze governative cantonali. Sia la Confederazione che i cantoni dovrebbero infatti avere la facoltà di requisire gli impianti di protezione civile. L'emanazione di un’ordinanza sarebbe tuttavia una misura puramente preventiva che non autorizzerebbe ancora la requisizione degli impianti di protezione. Per procedere alla requisizione sarebbe sempre indispensabile un’ulteriore decisione del Consiglio federale o di un governo cantonale. Nell'ambito della procedura di consultazione, la maggioranza dei cantoni si è sostanzialmente espressa in modo positivo sul progetto dell’ordinanza. I dipartimenti competenti e il Consiglio federale dovranno ora decidere come procedere.