print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

La protezione civile sostiene il Care Team COVID Grigioni

Con la diminuzione del numero di casi e l'inizio della fase di «contenimento» nella lotta alla pandemia, il contact tracing diventa uno strumento importante per limitare la diffusione dei contagi. Nel Canton Grigioni la protezione civile assume un ruolo essenziale nella ricostruzione delle catene d'infezione. Affidabile, versatile e disponibile sul lungo periodo, la protezione civile è impiegata anche per altri compiti importanti nella gestione della crisi.

03.06.2020 | Comunicazione UFPP

Militi della protezione civile (mil PCi) sostengono il COVID Care Team Grigioni (Foto: PCi Grigioni).

Secondo le direttive federali, le persone con sintomi riconducibili al COVID-19 vengono testate. Se il test risulta positivo, vengono isolate e le persone con cui hanno avuto contatti vengono messe in quarantena. Ogni nuova infezione viene ricostruita al fine di rintracciare i contatti. Questo compito viene svolto dal Care Team Covid Grigioni sotto la direzione dell'ufficio della sanità pubblica e con il supporto di militi della protezione civile e di personale medico.

La protezione civile chiama quotidianamente i pazienti COVID e rintraccia i loro contatti

Le persone malate in isolamento e le persone in quarantena con cui hanno avuto contatti vengono chiamate tutti i giorni (eccetto il fine settimana) dal Care Team COVID dell'ufficio della sanità pubblica del Canton Grigioni, di stanza presso il centro d'istruzione della protezione civile a Coira, o dal medico di famiglia. Ai contatti vengono poste domande sullo stato di salute e sui bisogni, al fine di riconoscere tempestivamente nuovi casi d'infezione e fornire i beni di cui necessitano (per es. beni d'uso quotidiano e medicamenti).

I militi della protezione civile hanno ormai sviluppato una routine per questo compito, che svolgevano già all'inizio della pandemia, quando l'evoluzione dei numeri di contagi permetteva ancora un tracciamento delle vie di infezione. Nel frattempo, per il contact tracing sono disponibili sempre più ausili elettronici. In alternativa all'assistenza telefonica, i pazienti con un'infezione da COVID-19 e i loro contatti possono utilizzare la «COVID Care App Grigioni». Tramite notifiche push, l'app chiede quotidianamente i dati sulla loro salute e le trasmette all'ufficio della sanità pubblica grigionese, assicurando una comunicazione più semplice e moderna tra personale sanitario e persone malate.

Si prevede che l'app per il proximity tracing della Confederazione sarà disponibile a partire da metà giugno, a complemento del tradizionale contact tracing dell'autorità sanitaria grigionese.

Organizzazione d'intervento affidabile, versatile e resistente

La protezione civile svolge un ruolo importante nella gestione della pandemia nei Grigioni. I militi della protezione civile grigionese hanno già complessivamente prestato 8'700 giorni di servizio, prevalentemente a sostegno delle istituzioni della sanità pubblica, ossia di ospedali, case anziani, case di cura e servizi Spitex. I militi della protezione civile hanno fornito supporto anche alla centrale di comunicazione Coronavirus del Cantone, dove finora hanno risposto a oltre 5'000 richieste, alla Helpline Grigioni per i primi soccorsi psicologici nel triage delle chiamate e alla Hotline per i frontalieri italiani. Hanno inoltre supportato il Corpo delle guardie di confine, la logistica e il Care Team COVID Grigioni.