Il reclutamento nella protezione civile

Rekrutierung

Personale motivato

Poter contare su personale motivato è una premessa fondamentale in qualsiasi istituzione. Questa regola vale anche per la protezione civile. Il reclutamento mira a un’incorporazione ottimale dei militi. A seconda delle loro attitudini e conoscenze professionali essi vengono incorporati in una delle funzioni di base (assistente di stato maggiore, addetto all'assistenza, pioniere, sorvegliante del materiale, sorvegliante d’impianto o cuoco).

Reclutamento comune nell'esercito e nella protezione civile

L'esercito e la protezione civile procedono al reclutamento comune dei militi. La procedura di reclutamento comprende l'informazione preliminare all'attenzione delle persone tenute a prestare servizio, una giornata informativa e il reclutamento vero e proprio. Per l'incorporazione non c'è libertà di scelta; l'esercito ha la precedenza.

Informazione preliminare a 16 anni

La procedura di reclutamento inizia con l'informazione preliminare inviata ai giovani sedicenni di entrambi i sessi.

Giornata informativa a 18 anni

All'età di 18 anni, tutti gli uomini tenuti a prestare servizio e le donne interessate ricevono un invito ufficiale alla giornata informativa organizzata dal Cantone. Sotto la direzione di moderatori dell'esercito e della protezione civile, i candidati vengono informati in merito alle possibilità offerte, alle funzioni che possono assumere nell'esercito e nella protezione civile nonché alla procedura di reclutamento. Un obiettivo importante della giornata è motivare i giovani a prestare servizio.

Convocazione a 19 anni

All'età di 19 anni tutti gli uomini tenuti a prestare servizio e le donne interessate ricevono una convocazione al reclutamento che avverrà in uno dei sei centri di reclutamento.

Reclutamento: da due a tre giorni

Per la maggior parte dei candidati, il reclutamento dura due giorni. Eventuali accertamenti supplementari richiedono un terzo giorno. La Confederazione svolge il reclutamento e ne assume i costi. I primi due o tre giorni di reclutamento valgono come primi giorni di servizio remunerati con il soldo.

Istruzione di base

I giovani incorporati nella protezione civile lasciano il centro di reclutamento con una funzione di base (assistente di stato maggiore, addetto all'assistenza, pioniere, sorvegliante del materiale, sorvegliante d’impianto o cuoco) e informazioni concernenti il luogo e la data in cui si svolgerà l'istruzione di base (generale e specialistica) nella protezione civile. Questa dura da 10 a 19 giorni a seconda del Cantone.

Criteri d'incorporazione

In occasione del reclutamento, oltre all'idoneità al servizio militare viene apprezzata anche quella al servizio di protezione civile. Le attitudini intellettuali e fisiche per il servizio di protezione civile devono soddisfare profili d'esigenza chiaramente definiti.

Test attitudinali

Tramite diversi test vengono valutate le attitudini delle persone tenute a prestare servizio. Si esaminano i requisiti seguenti:

  • stato di salute,
  • prestazione fisica,
  • disposizione psichica,
  • intelligenza generale e sociale,
  • idoneità a svolgere una funzione di specialista.

La persona giusta al posto giusto

Il capitale più importante di un’azienda, di un’organizzazione o di un’istituzione è costituito da collaboratori adeguati e motivati. Questa regola vale anche per la protezione civile.

Profili confacenti

L’incorporazione ottimale dei candidati in una delle funzioni di base è possibile solo grazie a profili dettagliati che si orientano ai compiti da svolgere.

  • A un assistente di stato maggiore si richiedono facoltà di comprensione, spirito di gruppo e capacità comunicative.
  • Il rapporto con persone in cerca di protezione o vittime traumatizzate di catastrofi richiede da parte dell’addetto all’assistenza un buon equilibrio psichico, competenze sociali e conoscenze linguistiche particolari.
  • Il pioniere deve disporre di una buona prestanza fisica, di capacità tecniche per l’utilizzazione dei diversi apparecchi e senso pratico.
  • Al sorvegliante del materiale e al sorvegliante d’impianto si richiede esperienza in una professione artigianale. Sono anche necessarie capacità tecniche e indipendenza.
  • Il cuoco deve assolutamente avere un metodo di lavoro igienico e pulito. Deve inoltre essere dotato di spirito di gruppo, flessibilità e gravabilità.

Sei sedi regionali di reclutamento

Il reclutamento comune nell’esercito e nella protezione civile avviene in sei centri regionali di reclutamento. Per la collocazione dei centri si è tenuto conto sia dei confini cantonali che di quelli linguistici.

Le persone tenute a prestare servizio vengono convocate nei seguenti centri di reclutamento:

  • Losanna: BE (f), FR (f), GE, JU, NE, VD, VS (f)
  • Sumiswald: BE (d), FR (d), VS (d)
  • Monte Ceneri: TI, GR (i)
  • Windisch: AG, BL, BS, LU, NW, OW, SO, UR,
  • Rüti: SH, TG, ZH, ZG
  • Mels: AI, AR, GL, GR (d), SG, SZ

L'ufficiale di reclutamento della protezione civile

L'ufficiale di reclutamento della protezione civile fa parte della squadra di reclutamento di ogni centro. Egli è l’interlocutore per la protezione civile, coordina i cantoni assoggettati al centro di reclutamento, partecipa al rapporto di reclutamento, dirige i colloqui informativi con i futuri militi della protezione civile e raccomanda l'incorporazione in una delle funzioni di base (assistente di stato maggiore, addetto all'assistenza, pioniere, sorvegliante del materiale, sorvegliante d’impianto o cuoco) in base ai risultati dei test attitudinali.


Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP Monbijoustrasse 51A
CH-3003 Berna
Tel.
+41 58 462 50 11

E-Mail


Stampare contatto

Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP

Monbijoustrasse 51A
CH-3003 Berna

Vedi mappa