L’istruzione nella protezione civile

ausbildung

Orientamento verso la gestione di catastrofi e altre situazioni d'emergenza

La protezione civile è orientata soprattutto verso la gestione di catastrofi e altre situazioni d‘emergenza. Se la situazione sul fronte della politica di sicurezza si aggrava o si profila la minaccia di un conflitto armato, l’istruzione può essere conseguentemente adeguata.

Funzioni di base

Visti i compiti della protezione civile e per garantire un impiego polivalente dei militi, il nuovo concetto d'istruzione prevede le funzioni di base seguenti:

  • assistente di stato maggiore (per il settore Aiuto alla condotta)
  • addetto all'assistenza (per il settore Protezione e assistenza)
  • pioniere (per il settore Sostegno)
  • sorvegliante d’impianto (per il settore Logistica)
  • sorvegliante del materiale (per il settore Logistica)
  • cuoco (per il settore Logistica)

Due moduli didattici successivi

Per garantire interventi polivalenti, i militi della protezione civile vengono istruiti in una funzione di base come assistente di stato maggiore, addetto all’assistenza, pioniere, sorvegliante d’impianto, sorvegliante del materiale oppure cuoco. L’istruzione di base suddivisa in due moduli didattici successivi: l’istruzione generale (IG) e l’istruzione specialistica (IS). A seconda del Cantone,dura  complessivamente da 10 a 19 giorni..

1. Istruzione generale

Nell’istruzione generale (IG) vengono impartite le conoscenze di base necessarie a tutti i militi. Vi rientrano l’informazione su rischi e pericoli, sulla protezione della popolazione e la protezione civile, sulla diffusione dell’allarme presso la popolazione, sul comportamento da adottare in situazioni di crisi, sull’aiuto in caso d’emergenza e sull’aiuto alla condotta.

2. Istruzione specialistica

Durante l’istruzione specialistica (IS) vengono impartite le conoscenze tecniche differenziate a seconda della funzione di base assunta dai militi:

  • L’assistente di stato maggiore coadiuva la condotta nelle attività d’elaborazione della situazione (acquisizione, analisi e diffusione delle informazioni) e utilizza i mezzi telematici (apparecchi di trasmissione).
  • L’addetto all’assistenza aiuta ad evacuare e ad assistere le persone minacciate, in cerca di protezione o bisognose d’aiuto, sta vicino alle persone in pericolo e presta cure infermieristiche.
  • Il pioniere utilizza correttamente gli apparecchi della sezione di sostegno. Se le infrastrutture vengono danneggiate, provvede a limitare i danni, adottare le misure transitorie e ad eseguire i lavori di ripristino.
  • Il sorvegliante del materiale è responsabile di inventariazione, stoccaggio adeguato, manutenzione e messa a disposizione del materiale, degli attrezzi e degli apparecchi della protezione civile.
  • Il sorvegliante d’impianto provvede al buon funzionamento e all’operatività delle installazioni tecniche presenti negli impianti di protezione civile.
  • Il cuoco coadiuva il capo cucina e il furiere (contabile) nella pianificazione, nell’organizzazione, nella preparazione e nella distribuzione della sussistenza.

Osservare le scadenze

L'istruzione di base deve essere assolta entro la scadenza prestabilita:

  • I militi della protezione civile incorporati dopo il reclutamento assolvolo l'istruzione di base al più tardi entro la fine dell'anno in cui compiono i 26 anni.
  • I militi di protezione civile incorporati nel personale di riserva senza istruzione di base possono essere chiamati a seguire tale istruzione al più tardi entro la fine dell'anno in cui compiono i 30 anni.
  • Le persone naturalizzate dopo il compimento dei 25 anni sono annunciate dai Cantoni per il reclutamento e assolvono l’istruzione di base al più tardi entro la fine dell'anno in cui compiono 30 anni.
  • Le persone che assumono volontariamente l’obbligo di prestare servizio nella protezione civile assolvono l’istruzione di base entro tre anni dal reclutamento, a meno che dispongano già di un'istruzione equivalente.

Per ulteriori informazioni: comandante o cantone

In linea di principio l’istruzione nella protezione civile è di competenza dei cantoni. Per ottenere informazioni più dettagliate relative all’istruzione di base è opportuno contattare il comandante della protezione civile del comune o della regione, oppure l’ufficio cantonale responsabile della protezione civile.

Compiti speciali per militi scelti

Alla protezione civile serve un ampio ventaglio di persone con conoscenze speciali. Con un'istruzione complementare della durata massima di 5 giorni, militi scelti hanno la possibilità di ampliare le loro conoscenze per adempiere compiti speciali. Quest'istruzione complementare può essere assolta immediatamente dopo l'istruzione di base (generale e specialistica) oppure in un secondo tempo.

Istruzione di competenza della Confederazione o del Cantone

La maggior parte dei corsi complementari viene organizzata dai Cantoni. La Confederazione organizza i corsi che richiedono personale insegnante professionista con conoscenze particolari o un'infrastruttura didattica complessa oppure i corsi che risultano meno costosi se svolti a livello federale.

Istruzione complementare di competenza federale:

  • la persona competente in radioprotezione istruisce in materia di radioprotezione le persone e le unità che svolgono compiti speciali in caso d’aumento della radioattività,
  • il ricercatore N misura la radioattività con apparecchi speciali e comunica i valori misurati all'organo preposto.

Esempi di specialisti istruiti dal Cantone:

  • l'addetto all’aiuto psicologico d’urgenza offre sostegno psicologico ai propri colleghi durante gli interventi e la successiva assistenza psicologica dopo interventi logoranti,
  • lo specialista della protezione dei beni culturali aiuta il capo PBC a pianificare misure di protezione dei beni culturali, dirige gli interventi dei volontari e coadiuva le unità d'intervento in caso di sinistro,
  • i sanitari sanno qual è la posizione corretta in cui mettere un paziente e come trasportarlo senza arrecargli danni maggiori. Sono in grado di applicare bendaggi e in determinati casi prestano i primi soccorsi.

Perfezionamento periodico

Gli specialisti della protezione civile frequentano periodicamente corsi di perfezionamento per rimanere aggiornati. Possono perciò essere convocati a corsi di perfezionamento della durata massima di 12 giorni ogni quattro anni.

Personale motivato

La motivazione dei militi e l'efficienza della protezione civile dipendono in larga misura dal lavoro svolto dai responsabili della condotta. I quadri sono responsabili per la condotta, l’istruzione e la capacità operativa delle loro formazioni. Il lavoro di condotta dipende a sua volta dalla motivazione dei quadri, dalle loro capacità e dall'istruzione che hanno ricevuto. Chi intende assumere una funzione di quadro nella protezione civile, deve quindi frequentare un corso che dura da 5 a 12 giorni per diventare capogruppo, caposezione o capo di un settore specialistico. L’istruzione per diventare comandante della protezione civile dura da 15 a 24 giorni, di cui da 5 a 12 giorni possono essere assolti nel Cantone; la Confederazione convoca per corsi che durano da 10 a 12 giorni.

Comando della protezione civile: istruzione organizzata dalla Confederazione

La protezione civile è diretta dal comando della protezione civile. Questo è generalmente composto dal comandante e dal suo sostituto. L'istruzione organizzata dalla Confederazione mira a promuovere le qualità seguenti:

  • conoscenze approfondite in materia di condotta e di rapporti interpersonali,
  • attitudini organizzative e amministrative,
  • capacità nel campo della rappresentanza e della consulenza,
  • conoscenze approfondite delle possibilità d'intervento della protezione civile.

Altri quadri: istruzione organizzata dalla Confederazione o dal Cantone

Oltre al comando della protezione civile, la Confederazione istruisce anche altri quadri. Organizza i corsi che richiedono personale insegnante professionista con conoscenze particolari o un'infrastruttura didattica complessa oppure i corsi che risultano meno costosi se svolti a livello federale. Ciò riguarda l'istruzione dei quadri dell’aiuto alla condotta a favore degli organi civili di condotta (analisi della situazione, telematica, protezione NBC, logistica) e della protezione dei beni culturali. Al Cantone compete l'istruzione degli altri quadri, per esempio dei capisezione o capigruppo assistenza, dei capigruppo sanità, dei capisezione o capigruppo sostegno, dei capi dell'elemento logistico e dei contabili.

Obbligo di assumere una funzione di quadro

I militi della protezione civile possono essere obbligati ad assumere funzioni di quadro e a prestare i servizi corrispondenti.

Perfezionamento periodico

I quadri e gli specialisti della protezione civile frequentano periodicamente corsi di perfezionamento per rimanere aggiornati. Possono perciò essere convocati a corsi di perfezionamento della durata massima di 12 giorni ogni quattro anni.

Mantenimento della prontezza operativa

I corsi di ripetizione servono in primo luogo a verificare, mantenere e migliorare la prontezza operativa delle unità di protezione civile. Permettono inoltre ai quadri di acquisire l’esperienza necessaria nella condotta. Si possono anche sfruttare per svolgere esercitazioni in collaborazione con altre organizzazioni partner della protezione della popolazione.

Corsi annuali

Per essere sempre pronti a intervenire, i militi della protezione civile seguono addestramenti periodici. La protezione civile organizza corsi di ripetizione annuali che durano da 2 a 7 giorni. I comandanti della protezione civile e i loro sostituti possono essere convocati fino a 19 giorni supplementari l’anno, gli altri quadri e gli specillasti fino a 12 giorni supplementari l’anno. Dodici giorni supplementari di corsi di ripetizione sono previsti anche per i militi attribuiti alla funzione di base di sorvegliante del materiale o di sorvegliante d’impianto.

Attività più svariate

Conformemente agli obiettivi summenzionati, i corsi di ripetizione possono servire a:

  • rinfrescare, approfondire e ampliare le conoscenze acquisite in passato,
  • acquisire nuove conoscenze,
  • elaborare, verificare e testare i piani e i preparativi d’intervento,
  • esercitare la collaborazione tra unità,
  • esercitare la collaborazione con le organizzazioni partner,
  • inventariare, immagazzinare, preparare e smaltire correttamente il materiale e provvedere alla sua manutenzione,
  • eseguire i controlli e la manutenzione delle costruzioni di protezione,
  • organizzare esposizioni ed eventi informativi all’attenzione della popolazione, delle autorità, degli organi di condotta, dei partner e dei militi della protezione civile.

Servizi supplementari

Oltre ai corsi di ripetizione veri e propri, che permettono di prepararsi al caso effettivo, valgono come corsi di ripetizione anche le seguenti prestazioni di servizio:

  • i rapporti, finalizzati principalmente all'informazione e al coordinamento,
  • i corsi preparatori per quadri, finalizzati alla preparazione dei corsi di ripetizione,
  • il servizio nell'amministrazione della protezione civile (in caso di bisogno imperativo).

Gli interventi non sono corsi di ripetizione

Gli interventi in caso di catastrofi e situazioni d’emergenza e gli interventi di pubblica utilità non sono considerati corsi di ripetizione.


Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP Monbijoustrasse 51A
CH-3003 Berna
Tel.
+41 58 462 50 11

E-Mail


Stampare contatto

Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP

Monbijoustrasse 51A
CH-3003 Berna

Vedi mappa