print preview

Giornata degli apprendisti del DDPS: discorso di benvenuto del direttore dell'UFPP

BB_VBSLernende

Circa 200 apprendisti sono stati invitati alla tradizionale giornata degli apprendisti del DDPS svoltasi il 4 settembre 2019. Il discorso di benvenuto è stato tenuto da Benno Bühlmann, direttore dell'UFPP.

 

Fa fede la versione orale

Care apprendiste, cari apprendisti del DDPS, 

«Non lasciarti abbattere, sii sfacciato, selvaggio e meraviglioso», scrive Astrid Lindgren nel suo libro Pippi Calzelunghe. Questo era lo slogan negli anni in cui andavo a scuola. Ed era una prerogativa dei giovani.

Sono lieto di darvi il benvenuto alla giornata introduttiva degli apprendisti del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). Oggi formate un gruppo multiculturale. Sto parlando a 140 cittadini svizzeri di lingua tedesca, 35 di lingua francese e 20 di lingua italiana. Avete intrapreso 40 apprendistati diversi e lavorate presso 79 ubicazioni diverse. Una situazione unica.

Il leitmotiv di Pippi Calzelunghe, «Chi è giovane dovrebbe essere selvaggio, fare errori e divertirsi» ha accompagnato me e i miei amici per tutta la gioventù. Ci sentivamo protetti. Era un lasciapassare per sperimentare, scoprire cose nuove, abbandonare le convenzioni e – ogni tanto – per comportarsi da scapestrati. I temi ambientali e i problemi sociali non ci preoccupavano più di tanto. Oggi, che siamo nel 21 secolo, mi chiedo: è ancora attuale questo stile di vita?

Per scoprirlo sono andato a consultare i risultati del Barometro della gioventù per il 2018 di Credit Suisse. Si tratta di un rapporto che studia le opinioni e le preoccupazioni dei giovani del giorno d'oggi. Esso si basa su sondaggi rappresentativi condotti tra i giovani che vengono poi valutati.

Il Barometro della gioventù mostra un quadro piuttosto tetro. Dai risultati emerge che i giovani oggi sono più informati e coscienziosi che in passato. Ma sono anche più preoccupati. Si trovano confrontati con enormi sfide:

  • l'evoluzione tecnologica che è direttamente collegata con una riduzione dei posti di lavoro. In questo frangente, molti giovani hanno paura di non trovare un posto di lavoro. L'unica certezza è che nel 2060 non avranno più lo stesso posto che nel 2030. La loro formazione sarà continua. Secondo una recente affermazione di Elon Musk, in futuro i posti di lavoro andranno a sparire.
  • il problema dell'AVS e del finanziamento della previdenza per la vecchiaia. Sono due anni ormai che i giovani considerano l'AVS uno dei problemi più importanti in Svizzera. Le persone anziane vivono in parte sulle spalle dei giovani.
  • la questione climatica. I giovani sono preoccupati per la scomparsa delle risorse e degli eccessivi consumi degli adulti. Chiedono che il cambiamento climatico venga affrontato seriamente, se possibile fermato. Migliaia di giovani si recano sulle strade per protestare.

Se mi guardo attorno, vedo una generazione pronta a mettersi in gioco. Non siete indifferenti di fronte a ciò che succede nel mondo. Questo è un segnale positivo, che dimostra che i futuri apprendisti del DDPS sono persone responsabili e motivate.

Avete fatto bene a scegliere il DDPS. Qui potete impegnarvi per una buona causa, lasciare un'impronta, smuovere qualcosa. Congratulazioni per la decisione che avete preso.

Il DDPS non è un dipartimento qualunque. Qui vengono assolti compiti fondamentali per il nostro Paese:

  • L'esercito…
  • Armasuisse …
  • il Servizio delle attività informative della Confederazione assicurano la sicurezza nel nostro Paese.
  • L'Ufficio federale della protezione della popolazione, come dice il nome, è responsabile di proteggere le vostre famiglie, i vostri amici e conoscenti.
  • L'Ufficio federale dello sport (UFSPO), annesso al DDPS, promuove la salute incentivando le attività sportive.
  • Swisstopo, l'Ufficio federale di topografia, che allestisce carte e geodati che utilizziamo nel tempo libero o nella vita professionale.

Il DDPS non può restare con le mani in mano. Con una realtà in continua evoluzione, anche noi del DDPS siamo costretti a confrontarci con nuove sfide. Aiutateci ad operare i necessari cambiamenti.
Vorrei citarne una in particolare, che conoscete bene: la digitalizzazione della comunicazione. Ai miei tempi le lettere cartacee, il telefono, la radio e la TV erano i mezzi utilizzati per procurarsi e scambiarsi informazioni. Fax, SMS, mail, Internet e computer non esistevano. Bisognava pazientare. Oggi la comunicazione passa attraverso gli schermi dei computer e degli smartphone. Messaggi e informazioni vengono spediti alla velocità della luce. Siamo informati e di regola sappiamo immediatamente cosa fare. 

La trasformazione digitale nasconde però anche delle insidie. Nella vita privata, i social media possono ad esempio creare dipendenza. Un altro pericolo è che il nostro modo di essere dipenda dai commenti altrui. Lasciatemi dire solo questo: pensate con la vostra testa, rimanete autentici!
Ma la digitalizzazione ha ripercussioni anche sul lavoro: si deve essere sempre raggiungibili e sempre reattivi. Per non parlare dell'enorme quantità di dati cui siamo costantemente confrontati. Non è sempre facile mantenere una visione d'insieme.

Per garantire il buon funzionamento della comunicazione digitale anche in caso di catastrofe o situazione d'emergenza, occorrono un approvvigionamento elettrico stabile, reti e antenne, ma anche smartphone e ricetrasmittenti. La Confederazione, e in particolare il DDPS, punta quindi sull'ampliamento delle reti digitali sicure. Proprio in queste settimane il Parlamento sta gettando le basi per il sistema nazionale per lo scambio di dati sicuro (SSDS), una rete che garantisce la comunicazione tra Confederazione e Cantoni in caso di una catastrofe o di una situazione d'emergenza. Con questo progetto l'UFPP garantisce la sicurezza delle infrastrutture per lo stato maggiore federale Protezione della popolazione, la Centrale nazionale d'allarme, gli stati maggiori di condotta cantonali e le infrastrutture critiche come le FFS, le società elettriche e le imprese logistiche.

Cosa vi offriamo al DDPS? Sfide, compiti avvincenti, collaborazioni in diversi team. In altre parole, una formazione variegata. Non trasmettiamo soltanto nozioni, da noi potete acquisire competenze e imparare ad affrontare e risolvere i problemi. Dopo l'apprendistato, magari contribuirete alla sicurezza del vostro Paese o alla protezione della popolazione, oppure assumerete altri compiti. Fateci vedere come intendete affrontare questo cammino, prendete in mano il vostro futuro: vogliamo imparare da voi.

Mi auguro che possiate trarre il massimo beneficio da questa formazione, che vi dia soddisfazione, vi permetta di fare nuove amicizie e contribuire congiuntamente alla sicurezza del nostro Paese. Al DDPS ci adoperiamo per una Svizzera sicura e vivibile. A tutti gli apprendisti auguro buona fortuna e molto successo in questo intento. 

Se mi chiedete, cosa ci aspettiamo da voi, vi rispondo con le parole di Astrid Lindgren: siate selvaggi, fate errori, siate innovativi. Solo così farete le vostre esperienze e imparerete dagli errori. Conto su di voi, sulla vostra curiosità, le vostre idee innovative, il vostro coraggio e il vostro impegno. Qui potete dare voce alle preoccupazioni dell’odierna gioventù. Una gioventù pronta a percorrere nuove vie.

Conto su di voi, sulla vostra curiosità, le vostre idee fresche, il vostro coraggio e il vostro impegno.

Vi auguro un buon apprendistato al DDPS. Grazie!